Corso "Lo spazio dell'azione aprassica e disprassica"

24.01.2018

Corso "Lo spazio dell'azione aprassica e disprassica"
L'aprassia dell'adulto e la disprassia in età evolutiva sono dei disturbi che riguardano l'organizzazione delle azioni.

I disturbi di tipo aprassico si  manifestano soprattutto per lesioni all'emisfero sinistro e  sono correlati alle attività di vita quotidiana. Infatti il paziente ha difficoltà nell'uso degli oggetti (per esempio usa il cucchiaio come se usasse la forchetta) oppure ci sono alterazioni nella sequenza temporale dell'azione  (per esempio per apparecchiare la tavola per mangiare mette i piatti senza aver messo prima la tovaglia) Inficiando l'autonomia del paziente. 
Sono stati studiati i più recenti studi neuropsicologici. Queste conoscenze sono di fondamentale importanza per una corretta valutazione riabilitativa finalizzata alla progettazione di un percorso terapeutico mirato a migliorare la qualità di vita del paziente e del suo familiare.

La disprassia del bambino raggruppa quadri molto eterogenei. Infatti questi bambini possono mettere in atto sempre le medesime strategie motorie, possono avere difficoltà di coordinazione risultando impacciati o iperattivi, difficoltà cognitive relative ai processi di soluzione di problemi o di preparazione al movimento.
La valutazione del bambino disprassico è complessa e richiede di adeguarsi ad ogni singolo caso. E' necessario redigere il profilo di ogni piccolo paziente per la progettazione del programma abilitativo specifico.
Condividi facebook share twitter share pinterest share
Siglacom - Internet Partner